Picchi con Michele Crestacci

L'evento si è svolto in data 26 giugno 2019, all'aperto, a Marciana Marina (Piazza Vittorio Emanuele).

Un comico, cabarettista, attore cinematografico e teatrale, presenta un graffiante, poetico, ironico, satirico omaggio ad Armando Picchi, ripercorrendone la carriera di calciatore. 

Picchi
con Michele Crestacci
regia di Alessandro Brucioni / Michele Crestacci

“La prima volta che ho indossato la maglia del Livorno mi sono sentito nudo perché la mia pelle era amaranto”.

Picchi il calciatore e l’uomo, il capitano e il sognatore, la forza e la poesia. 171 centimetri, 71 chili, il 41 di scarpe. Una famiglia di marinai, un nonno anarchico e l’altro repubblicano costretto all’esilio. Armando Picchi portò nell’Inter di Herrera e Moratti tutto lo spirito ribelle e combattivo ereditato dalla sua terra e dalla sua famiglia. Quello spirito fece il cemento fortissimo di una squadra italiana che vinse tutto al mondo, vanto della Milano Capitale emergente della società industriale.

Dopo Modigliani e Caproni, Picchi chiude la trilogia di personaggi celebri livornesi che Michele Crestacci e Alessandro Brucioni hanno scelto per raccontare lo spirito di Livorno. Attraverso una narrazione comica e intensa viene ricostruito il percorso umano e professionale del calciatore Armando Picchi. Un simbolo di serietà, fedeltà e sacrificio. Un allenatore in campo, un punto di riferimento per la squadra nello spogliatoio, un uomo forte pronto al sacrificio: un capitano.

Lo spettacolo Picchi è un ritratto che passa dalle prime partite sul mare di Livorno alla indimenticabile finale di Coppa Campioni a Vienna del ‘64, dal boom economico alla rivoluzione sessuale del ’68, dal tenero incontro con l’amore alla drammatica vicenda personale che lo condusse alla morte.

Sullo sfondo l’Italia che cambia. La TV, usi e costumi, e il calcio che da semplice e romantico sport collettivo si trasforma in un feroce business e in un simbolo sempre più significativo dell’evoluzione sociale e culturale della società odierna. Sullo sfondo Livorno con le sue brezze calde, con le sue ferite, le sue debolezze e le sue appassionate voci.

Michele Crestacci nasce a Livorno il 15 Gennaio del 1972. Amante sin da piccolo del teatro, deciderà di coltivare questa passione solo all'età di 25 anni. Dapprima seguirà le orme del padre portando avanti l'attività familiare in P.zza Cavallotti, luogo simbolo di Livorno e fulcro della vita commerciale della città.
Ma proprio da questa esperienza lavorativa, Michele prenderà spunto nei suoi primi passi nel mondo del teatro e della recitazione
Dopo aver portato avanti un percorso formativo professionale (Diploma di dedizione e recitazione della Scuola triennale di “Teatro Vertigo” [Livorno-2002] - Laboratorio di Teatro condotto da B.Nativi del “Laboratorio Nove” [Firenze-2008] – Laboratorio Zelig [Milano-2008] – Workshop con C. Briè [ Livorno – 2012]), debutta nel mondo del teatro con ''Il Grigio'' di G.Gaber, regia di R.Valeriani – nella parte del protagonista [SOS spettacolo – 2007] e l'anno seguente con ''Modigliani'', regia di Alessandro Brucioni (Centro Artistico Il Grattacielo – 2008).

Nel 2010 viene scelto da Paolo Virzì per una parte nel film “La prima cosa bella”, mentre nel 2014 partecipa al film “Short skin” di Duccio Chiarini, presentato alla scorsa edizione del Festival del Cinema di Venezia 

Michele si divide tra cinema, teatro e televisione. Ha attivi vari spettacoli, tra i quali le tre pieces dedicate a tre grandi personaggi livornesi, il poeta Giorgio Caproni, l’artista Amedeo Modigliani e il calciatore Armando Picchi, mentre nel modo dello spettacolo televisivo ha partecipato a trasmissioni quali ''Bravo Grazie'' con F.Panicucci [Rai Due -2004], ''Cominciamo Bene'' con C.Tedeschi [Rai Tre 2005] e “Cercasi Comico" [Sky TV -2008].


Mappa dell'evento

Informazioni

  • Orari: 21.30
  • Prezzo: L'evento è gratuito.

Contatti

  • Organizzazione: Pro Loco Marciana Marina

Categorie