XXIII Edizione della Coppa Toscana

L'evento si è svolto dal 4 al 6 maggio 2018, all'aperto, a Vari comuni dell'Elba (Percorsi e soste in diverse località elbane).

Nell'affollato panorama delle manifestazioni d’auto d’epoca, la rievocazione della Coppa Toscana si è ritagliata un suo spazio importante per la ricerca ogni anno di paesaggi, sapori ed esperienze nuove per i partecipanti che giungono da ogni parte d’Italia e dall’estero, molti dei quali sono habitué della manifestazione che è iscritta a calendario ASI.

Il 2018 è un anno importante per il club organizzatore, il CAMET (Club Auto e Moto d'Epoca Toscano) di Firenze, che celebra il cinquantesimo della sua fondazione. Il Comitato Organizzatore ha deciso che la 23ma edizione della Coppa Toscana dovesse tornare nelle strade e nei paesaggi dell'Isola d'Elba.

L’edizione 2018 inizierà con le registrazioni nel pomeriggio di venerdì 4 maggio a Piombino, seguirà l'imbarco per il trasferimento a Portoferraio. La base della manifestazione è a Capoliveri presso l'Hotel International da dove gli equipaggi partiranno il sabato e la domenica per immergersi in scenari tanto belli quanto diversi tra di loro: dalle spiagge di Lacona e di Marina di Campo, alle scogliere di Marciana e Rio, ai tornanti immersi nei castagneti del monte Perone. La manifestazione terminerà col pranzo di domenica 6 maggio, le premiazioni ed i saluti.

Per gli appassionati della regolarità non mancheranno le prove a cronometro valide per la classifica della XXIII Coppa Toscana. Le prove si effettueranno su alcuni dei percorsi del Rally dell'Elba che - come il CAMET - quest'anno ricorda i suoi primi 50 anni. La prima edizione del famoso rally si corse nel febbraio 1968 e fu vinto da Cavallari / Salvay su Lancia Fulvia HF. Un evento che sarà degnamente ricordato durante la Coppa Toscana 2018.

Durante la rievocazione storica della Coppa della Toscana, scatteranno i pressostati anche per il Trofeo Alessandro Ercoli, giunto alla quattordicesima edizione, che rende onore ad uno dei pionieri del motorismo storico italiano e grande appassionato delle vetture prodotte dal costruttore fiorentino Pasquino Ermini che rivaleggiarono con Ferrari e Maserati negli anni del dopoguerra.

La rievocazione della Coppa Toscana ricorda una delle più celebri corse su strada del dopoguerra – la Coppa della Toscana - che attraversava il "Granducato" negli anni dal 1949 al 1954.

Breve Storia della Coppa Toscana
È interessante ricordare le origini della Coppa della Toscana, corsa di velocità su strada organizzata dal 1949 al 1954. La storia inizia con la prima Mille Miglia del dopoguerra che fu organizzata, in condizioni comprensibilmente precarie, nel 1947. Il vincitore fu il fiorentino d'adozione Clemente Biondetti. L'anno successivo però, l'organizzazione decise di non far passare da Firenze la corsa su strada forse più famosa al mondo.

Nacque così nella mente dei dirigenti degli Automobile Club della Toscana l'idea di organizzare una corsa tutta nel "Granducato" che, seppur non avesse precedenti di rilievo, potesse compensare la delusione sofferta.

Questa manifestazione prese il nome di Coppa della Toscana.

Così nella mattina del 31 Luglio 1949 scattarono le ottanta vetture partecipanti, delle quali solo la metà giunse al termine di un percorso lungo e selettivo. Il vincitore della prima edizione fu il pilota padovano Ugo Bormioli, su una Fiat 1100 Sport approntatagli per l'occasione dal "mago" fiorentino Pasquino Ermini.

Nel 1950, le Mille Miglia tornarono ad attraversare Firenze, ma il successo della manifestazione Toscana, nata come corsa "alternativa", fu tale che questa venne ripetuta anche in quell'anno ed in quelli successivi, fino al 1954.

La Coppa della Toscana rinacque quindi nel 1995, come “rievocazione storica”, grazie alla passione dei soci del CAMET.

Le rievocazioni della Coppa Toscana hanno riscontrato grande successo per la cura della organizzazione e la importanza delle vetture partecipanti, tanto da risultare più volte premiate dall'ASI (Automotoclub Storico Italiano) con prestigiosi riconoscimenti come la Manovella d'Oro e il Premio Speciale ASI.

PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE
Venerdì 4 Maggio 2018
ore 14.00 – 16,00
Arrivo al punto di ritrovo Piombino Porto 
indicazione sull’eventuale parcheggio carrelli, 
verifiche tecniche 
consegna road book e registrazione dei partecipanti

Imbarco e partenza per Portoferraio (Isola d'Elba)
Arrivo a Portoferraio e trasferimento a Capoliveri (road book) 
A Capoliveri, direzione Naregno, “Grand Hotel Elba International”
Registrazione in hotel.
Cena libera in ristoranti della zona. In alternativa cena in hotel menù convenzionato.

Sabato 5 Maggio 2018
ore 8.30 – partenza “PuntaNera - l’estremo Ovest”

Hotel International – Lacona – Colle Reciso – Portoferraio – Procchio – Marciana Marina – Poggio - Marciana – Sant’Andrea – Chiessi – Pomonte – Seccheto – Fetovaia - Marina di Campo - “valico del monumento” – Lacona – Capoliveri centro
Prove cronometrate durante il percorso
Parcheggio ed Esposizione delle auto nel centro storico di Capoliveri. 

Pranzo in Piazza Matteotti
Nel pomeriggio - prove cronometrate 
Al termine delle prove – rientro in Hotel
ore 20.30 Cena di Gala

Domenica 6 Maggio 2018
ore 8.30 – partenza “Sulle strade del Rally”
Hotel International - Rio Elba - passo del Volterraio – Bagnaia – Magazzini – Portoferraio
Parcheggio ed Esposizione auto nel centro storico di Portoferraio
Visita guidata della fortezza Medicea di Forte Falcone e della Città Storica 
Pranzo a Forte Falcone o alla antica caserma Laugier.
Premiazioni e saluti
Trasferimento libero al Porto di Portoferraio
Traghetto per Piombino


Sponsor

Informazioni

  • Prezzo: Il prezzo dell'evento non è specificato.

Contatti

Categorie

Sponsor